AMERICAN GRAFFITI Artisti del Teatro RegioAMERICAN GRAFFITI Artisti del Teatro Regio

AMERICAN GRAFFITI Artisti del Teatro Regio
Categoria: 
Musica classica
Quando: 
Sabato, 11. Giugno 2016 - 21:00
Prezzo intero: 
8 €
Prezzo ridotto: 
6 €

American Graffiti (artisti del Teatro Regio di Torino)

American Graffiti, titolo del film cult di George Lucas (1973), è sinonimo del “mito americano”. Settant’anni di storia musicale d’America, entrata nel mito.

L’Ouverture raggiante di Funny Face apre il concerto, come il “C’era una volta…” che dischiude un racconto favoloso (“mito” e “favola”: due volti dello stesso concetto). Quando nel 1927 il musical scritto da George e Ira Gershwin arrivò all’Alvin Theatre di Broadway, con i suoi seducenti Adele e Fred Astaire, fu proprio in quella sala che il ballerino danzò per la prima volta in frac e cappello a cilindro, stigmatizzando l’immagine di un mito. Un’altra visione ineffabile è quella di Judy Garland incantevole protagonista nel Mago di Oz (il film di Victor Fleming del 1939), interprete con la sua voce di quella straordinaria miscela di arcobaleno e speranza che è Over the Rainbow. La canzone, scritta da Harold Arlen sulle parole di Yip Harburg, sarà adottata negli anni Sessanta dal movimento di liberazione omosessuale: ecco ancora il mito, il sogno di un mondo migliore.

Un lungo filo conduttore porta dall’operetta Roberta del 1933 (musiche di Jerome Kern, parole di Otto Harbach) al film American Graffiti, passando dalla voce di Nat “King” Cole a quella dei Platters e di Bryan Ferry: Smoke Gets in Your Eyes, melodia tra balli lenti e intensi baci, tra solenni sbronze, corse in macchina e scazzottate, con i suoi personaggi eternamente in bilico tra adolescenza e maturità. Quello stesso mondo popola West Side Story (1957), il musical nato dalla complicità di Jerome Robbins (regia e coreografia) e Leonard Bernstein. Il mito di Romeo e Giulietta è trasferito nei bassifondi di New York, dove l’amore di Maria e Tony vince sullo scontro tra i clan rivali Sharks e Jets, e l’opera entra nella leggenda Tra le sue punte di diamante, svetta la struggente Maria.

Con un rapido salto di trent’anni, andiamo al 1986, quando il musical di Claude-Michel Schönberg sull’adattamento teatrale dei Misérables di Hugo, firmato Alain Boublil, vola in America, dopo il debutto a Parigi nel 1980. La versione inglese, una volta approdata a Broadway, tiene banco per oltre vent’anni e si aggiudica ben otto Tony Awards. Sotto la pioggia, la bella Éponine spira tra le braccia di Marius, cantando A Little Fall of Rain.

Ancora un salto in avanti, per incontrare il visionario, indecifrabile e leggendario Frank Zappa, che nel 1993 convocava l’Ensemble Modern, gruppo da camera d’avanguardia, per l’album/suite The Yellow Shark. Dentro quest’opera, il rock incontra musica colta, jazz, fusion e progressive, con pagine enigmatiche quali Dog Breath Variations – ripresa di un brano del 1969 – oggi proposto nella trascrizione di Alessandro Dorella.

Visionaria anche la lettura del Candide, ou l’Optimisme di Voltaire, trasformato da Lilian Hellman nel libretto su cui Bernstein basò il suo Candide, comico e pungente, messo in scena nel 1956. Nella scatenata Ouverture il compositore pare condividere lo sguardo caustico di Voltaire di fronte all’inganno illusorio della ragione, e di fronte ai mali del mondo, così come nell’aria del protagonista, quando “candidamente” si chiede il senso della vita, Nothing More than This. E qui, il mito di un mondo migliore, seppure ironicamente, è infranto.

Non teme certo intoppi né la ruggine del tempo New York, New York, il Leitmotiv dell’omonimo film di Martin Scorsese (1977), con Robert De Niro e Liza Minnelli. Il brano, scritto da John Kander, parole di Fred Ebb, diventerà una hit intramontabile, legata a due magnifiche tigri: Liza Minnelli e Frank Sinatra.

E ancora musical, quello colpito dalle ondate jazz di Cole Porter e di Leonard Bernstein. La rocambolesca ventura di due attori, marito e moglie, nella shakespeariana Bisbetica domata è la sintesi della celebre commedia musicale Kiss me, Kate, che nel dicembre 1948 coniugava a Broadway il frizzante libretto di Samuel e Bella Spewack alle musiche di Porter, spumeggianti a partire dall’Ouverture. E nell’aprile 1950 varcava la soglia di Broadway il Peter Pan di James Matthew Barrie, una fantasia teatrale le cui canzoni e musiche di scena portano la firma di Bernstein. E con Spring Will Come Again (parole di Betty Comden & Adolph Green), quasi una preghiera, celebriamo il perenne ritorno della primavera. La favola riparte. Il mito riprende vita.

Monica Luccisano

Smoke Gets in Your Eyes
Arrangiamenti di Giulio Laguzzi

George Gershwin (1898-1937)
Funny Face, Ouverture

Harold Arlen (1905-1986)
Over the Rainbow

 Jerome Kern (1885-1945)
Smoke Gets in Your Eyes

Leonard Bernstein (1918-1990)
«Maria», da West Side Story

 Claude-Michel Schönberg (1944)
«A Little Fall of Rain» da Les Misérables

Frank Zappa (1940-1993)
The Yellow Shark
Arrangiamento di Alessandro Dorella

Leonard Bernstein
Candide, Ouverture

John Kander (1927)
New York, New York

Leonard Bernstein
«Nothing More Than This», da Candide

Cole Porter (1891-1964)
Kiss Me, Kate, Ouverture

Leonard Bernstein
«Spring Will Come Again», da Peter Pan

BIGLIETTERIA

Intero 8 €; Ridotto 6 €. La Biglietteria è aperta da Lunedì a Venerdì (10.00 – 13.00 e 16.00 -19.00) e sabato (10.00-13.00) presso la Segreteria di Cirko Vertigo in Via Lanza 31 e dalle ore 20.00 nelle serate di spettacolo. È consigliata la prenotazione ai numeri di telefono 011.0714488 oppure 327.7423350 e via mail all’indirizzo biglietteria@teatroleserre.it

La prenotazione non dà diritto all’assegnazione del posto, i posti vengono assegnati solo al momento effettivo dell’acquisto del biglietto ed è necessario ritirare i biglietti riservati entro le 20.30 della sera dello spettacolo. Successivamente, in caso di grande affluenza saranno rimessi in vendita.